GDF_LOGO_esec_positive
/
Organi e Cariche sociali

Organi e Cariche Sociali

Il Gruppo Dirigenti Fiat opera attraverso diversi organi sociali:

L’assemblea è costituita da tutti i soci. Si riunisce almeno una volta l’anno in via ordinaria, in via straordinaria quando necessario. Spetta all’assemblea: proporre indirizzi generali, esprimere pareri e mozioni; discutere e approvare le relazioni del Consiglio e del Presidente dell’Associazione ed i bilanci annuali; eleggere, tra i Soci Ordinari, i membri del Consiglio e i membri del Collegio Revisori e Probiviri; approvare eventuali modifiche dello Statuto; fissare la quota associativa del GDF; deliberare lo scioglimento dell’associazione e su ogni altro argomento che le venga proposto a termini di Statuto.

Il Consiglio si compone di un numero di membri non inferiore a 30 e non superiore a 50 e dura in carica 4 anni. In tal modo viene garantita la rappresentatività proporzionale dei Settori, nel contempo assicurando un equilibrio generale ed una più efficace identificazione unitaria della dirigenza di Stellantis, CNH Industrial e IVECO Group nell’Associazione. Il Consiglio provvede affinché siano adempiute le finalità statutarie dell’Associazione, nel rispetto degli interessi e della volontà dei soci.
Diverse le competenze del Consiglio, tra le quali: curare l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea; elaborare le linee programmatiche e fornisce al Presidente tutte le indicazioni e la collaborazione necessaria alla attuazione delle finalità dell’Associazione; approvare la costituzione di Sezioni Territoriali; stimolare la collaborazione dei Soci, esaminare eventuali proposte, pareri e istanze e provvede ad inoltrarli agli altri Organi Sociali.

Il Comitato di Presidenza opera a supporto dell’attività del Presidente dell’Associazione ed è composto dal Presidente, dai Vice Presidenti, dal Segretario Generale del Consiglio, dal Segretario del Comitato stesso e dal Tesoriere.
In particolare il Comitato di Presidenza: attua le linee programmatiche per lo sviluppo dell’Associazione e per lo svolgimento delle attività deliberate dal Consiglio e prende tutte le iniziative necessarie per il conseguimento degli scopi sociali; redige la relazione annuale ed ogni altra eventuale documentazione da presentare al Consiglio e all’Assemblea; istituisce gruppi di lavoro in funzione delle iniziative deliberate, assegnando gli incarichi relativi e verificandone periodicamente gli avanzamenti; approva le proposte di bilancio, sia preventivo che consuntivo, predisposte dal Tesoriere, da sottoporre all’approvazione del Consiglio.

Il Collegio Revisori e Probiviri ha la funzione di garantire il pieno rispetto dello Statuto, verificare l’amministrazione e curare l’organizzazione delle elezioni.
Il Collegio Revisori e Probiviri è composto di 3 membri effettivi e 2 supplenti, eletti dall’Assemblea fra i Soci Ordinari. Essi durano in carica 5 esercizi sociali e sono rieleggibili.
Il Collegio, oltre alle facoltà attribuitegli da altre norme del presente Statuto, ha: la funzione di garantire in ogni momento e circostanza il pieno rispetto dello Statuto dell’Associazione; la facoltà di esaminare istanze, esprimendo pareri e valutazioni, e di esercitare la funzione di arbitro amichevole compositore; il compito di fornire pareri all’Assemblea in merito all’eventuale scioglimento dell’Associazione; i poteri di verifica della contabilità e dell’amministrazione dell’Associazione e di controllo sui bilanci predisposti dal Tesoriere prima della presentazione in Assemblea; la facoltà di emanare un proprio Regolamento interno.